La Berlino di Alisa Resnik / Echi di Immagini Fabio Moscatelli

alisa-resnik

Spesso ci si interroga su quanto le immagini possano raccontare la realtà. A mio avviso, sono in grado di farlo solo durante l’istante che viene salvato prima di scappare via, come se non fosse mai esistito. Nel mio lavoro ho scelto di non distinguere tra il vero e l’apparente: amo seguire il mio istinto… Amo vagare per il mondo alla ricerca di momenti da fermare, alla ricerca di una rivelazione, alla ricerca di uno specchio.”

Mettetevi comodi,inserite nel vostro lettore cd o nel vostro stereo, un disco dei Bauhaus,ed aprite bene gli occhi; Alisa Resnik ci fa da guida in una Berlino dark e decadente,tra volti al limite della follia e luoghi che sembrano piccole anticamere di un inferno terrestre.

Luci cupe, atmosfere sospese, luoghi quasi surreali, viene quasi da chiederci dove ci stiamo perdendo…

alisa-resnik-1

One Another” è una sorta di diario visivo. Immagini scure in bar, sale vuote o quasi deserte. L’obiettivo di Alisa Resnik si fa largo tra il buio inquietante della notte disegnando punti luci alla maniera di Caravaggio.

La solitudine dei suoi soggetti avvolti in una luce fredda si scontra con l’armonia del filo poetico che lega volti, emozioni e oggetti. Le immagini scorrono una dopo l’altra dando vita ad un racconto visivo tanto armonico come tragico. Un racconto che perde la sua connotazione referenziale e si concentra sulle emozioni.

Nella sua serie fotografica, Alisa Resnik presenta delle immagini scattate di notte a Berlino. Scene color piombo, piccole osterie, sale vuote e deserte, vecchie stanze d’albergo nelle quali ancora si respirano il passato e i volti delle persone… Sguardi fugaci, piccoli gesti imbarazzanti, mani che si cercano per un supporto, occhi che celano dolore e distacco, sono come uccelli pronti a lasciare il nido per volare lontano in cerca di comprensione, per fuggire dalla solitudine. Per l’autrice la fotografia è il modo per fermarsi e guardare a fondo nell’inafferrabile realtà, per superare la sempre dolorosa dicotomia tra il soggetto e l’oggetto.

(testo tratto da Micamera Book)

One Another  www.alisaresnik.com

Fabio Moscatelli 

Potrebbero interessarti anche...