PSPF| Infertility II Olga Boltneva

“In our society, there are topics that are considered indecent, inconvenient, and embarrassing. Taboo topics. One of these topics is infertility. In medicine, infertility refers to the inability of a couple to conceive a child in childbearing age. It so happened that this topic became the cornerstone of our family. For 8 years of marriage, we did not become parents, and the doctors diagnosed me with “Infertility of the 2nd degree”. But it’s not the end, it’s time of the beginning.

The project “Infertility 2” is a story about Love. The diagnosis that doctors gave me was the starting point in the search for the meaning of marriage. Awareness of the true meaning of love. To start “living in other as in oneself”. To feel the New Testament verse “and the two will become one flesh” with your own skin. After all, the family is not a reproductive function. This is primarily the Two.

In a sense, this work can be called therapeutic, as it helped us survive the difficult moment of life – the struggle against infertility and the ultimate acceptance of defeat in it. Having lost what seemed to us the most important thing, the opportunity to become parents, we found the real most important thing – ourselves and the integrity of our marriage.

The project consists of photos that I have made during first 8 years of our marriage, photos and documents of the family archive. In the series that participated in the competition, only a part of all project is presented. I plan to release the project in the form of a photobook. “

Olga Boltneva is a photographer working on the stack of documentary and art. Her life and art are inseparably connected. She works with photography to explore themes of intimate space such as family and mutual relations, identity and reality at different stages of life. She’s trying to understand these issues from her own experience. She follows her inner impulses, to identify and disclose her personal painful points but speaks about things which are universal and common to all humankind.

__________________________________________________________________________________________

Nella nostra società, ci sono argomenti che sono considerati indecenti, scomodi e imbarazzanti. Argomenti tabù. Uno di questi argomenti è l’infertilità. In medicina, l’infertilità si riferisce all’incapacità di una coppia di concepire un bambino in età fertile. È successo così che questo argomento è diventato la pietra angolare della nostra famiglia. Per 8 anni di matrimonio, non siamo diventati genitori, e i medici mi hanno diagnosticato “Infertilità di 2 ° grado”. Ma non è la fine, è il momento dell’inizio.

Il progetto “Infertility 2” è una storia sull’Amore. La diagnosi che i medici mi hanno dato è stata il punto di partenza nella ricerca del significato del matrimonio. Consapevolezza del vero significato dell’amore. Iniziare a “vivere nell’altro come in se stessi”. Il Nuovo Testamento dice “e i due diventeranno una sola carne” con la tua stessa pelle. Dopo tutto, la famiglia non è una funzione riproduttiva. Questo è principalmente il Due.

In un certo senso, questo lavoro può essere chiamato terapeutico, in quanto ci ha aiutato a sopravvivere al momento difficile della vita: la lotta contro l’infertilità e l’accettazione definitiva della sconfitta in esso. Avendo perso ciò che a noi sembrava la cosa più importante, l’opportunità di diventare genitori, abbiamo trovato la cosa più importante – noi stessi e l’integrità del nostro matrimonio.

Il progetto consiste in foto che ho realizzato durante i primi 8 anni di matrimonio, foto e documenti dell’archivio di famiglia. Nella serie che ha partecipato al concorso, viene presentata solo una parte di tutto il progetto. Ho intenzione di pubblicare il progetto sotto forma di un fotolibro.